In sviluppo


Da domani mi alzo tardi

La storia di Da domani mi alzo tardi è liberamente ispirata dalla vita di Massimo Troisi. La sceneggiatura è stata scritta da Anna Pavignano, che assieme a Massimo ha vissuto una bellissima storia d’amore, oltre che lavorativa, come coautrice dei suoi film, tutti di grande successo, candidata all’Oscar per la migliore sceneggiatura del film Il Postino – 1996.

>> leggi tutto

 

 

 

 


7-Dwarf-at-Auschwitz 7 Nani ad Auschwitz

PRODUZIONE  30Miles Film Srl
REGIA  Stefano Veneruso
STORIA  Barbara Di Mattia, Michela Di Mattia,                 Stefano Veneruso
SCENEGGIATURA  Anna Pavignano, Stefano Veneruso
PRODUTTORI  Gaetano Daniele, Barbara Di Mattia,          David Guido Pietroni, Stefano Veneruso
GENERE  Commedia, dramma
LINGUA  inglese, Yiddish
RIPRESE  Romania, Polonia, Israele, Russia

 

 

 

 


The-CAMPUS
The Campus

In “The Campus” si racconta la storia avvincente di una colossale menzogna che genera una rete di reati. Ambientato tra il Campus di Stanford e la spettrale e ultraortodossi città mormone di Nephi, la rete enigmatica di morti e di comportamento discutibile di alcuni studenti, arriva ad un culmine violento con il massacro a sangue freddo di un’intera famiglia. In una sequenza inesorabile di colpi di scena mozzafiato, spostando continuamente la percezione della realtà… >> leggi tutto

 

 



90 Minutes

Il docufilm: undici grandi campioni del calcio internazionale, come un’intera squadra di calcio, si raccontano. Miti che per novanta minuti diventano uomini e tornano bambini, trasmettendo, attraverso le loro esperienze, i valori dello sport, soprattutto a chi si affaccia alla vita.

Undici segmenti di sessanta minuti per ogni protagonista:  al docufilm dal titolo 90 Minutes dedicato esclusivamente agli undici campioni, si aggiunge anche un approfondimento di un’ora per ciascuno dei protagonisti (11 segmenti), per dare voce alle persone che sono loro più vicine nel quotidiano: dagli amici, ai procuratori, dai familiari, agli allenatori.

 

 


Né in cielo né in terra

Essere in crisi significa sentirsi anche profondamente soli. Cosa accadrebbe se, per caso, due giovani donne, diversissime l’una dall’altra per lingua, cultura, carattere e scelte di vita, giunte ad un punto critico della propria esistenza, si incontrassero? Potrebbe accadere che entrambe trovino nella diversità dell’altra una morbida nicchia nella quale trovare rifugio, uno specchio pietoso che restituisca un’immagine accettabile di sé, una sponda a cui appoggiarsi per prendere di nuovo il largo nel mare della vita. Ma anche qualcuno con cui litigare, perché litighiamo solo con chi sentiamo di poter essere sinceri. E perché per litigare bisogna essere in due. >> leggi tutto

 

 


Venezia, un sogno

In una Venezia strangolata dall’acqua alta, Thomas, americano trapiantato in Italia da più di quarant’anni, ricorda la propria vita: l’amore per la moglie Ivonne, morta prematuramente di una misteriosa malattia che le ha cancellato la memoria, l’infanzia del figlio e il dialogo mancato, le altre donne che ha amato e perduto (fra cui una mangiatrice di fuoco sola al mondo).

Ma Venezia, bellissima e abbandonata, continua a sprofondare ogni giorno più invivibile; insieme al nipotino africano, con cui comunica con pochissime parole e con i gesti, escogiterà una rocambolesca protesta per salvare la propria meravigliosa città.
>> leggi tutto

 

 


Diversamente-TroisiDiversamente Troisi
(Spettacolo teatrale)

TESTO E REGIA  Stefano Veneruso


Nota del regista:
Rileggendo le poesie di Massimo ed alcuni suoi testi ho pensato che si potesse raccontare una bella storia, attraverso una rilettura delle più significative pagine della sua vita, dall’adolescenza al grande successo internazionale, ripercorrendo la sua arte, con alcuni video ed aneddoti inediti.

 

 

 


Gli anni del padre

Un giovane poco più che trentenne, all’improvviso scopre, che il padre da sempre desiderato non è morto e che, al contrario, si è creato altrove una nuova famiglia. La decisione di Corrado è inderogabile: pur di conoscere e recuperare suo padre, si dichiara disposto a rinunciare persino alla figura protettiva di sua madre Rosa.

Suo padre, Sebastiano, è più che mai in fuga dal proprio passato. La sua vita tipicamente borghese, confortata dalla sua famiglia, per lui indispensabile, sembra proteggerlo inconsciamente da ogni senso di colpa, quindi da sé stesso. >> leggi tutto